40 volte Ufo Robot Lucca Comics 2018

40 volte Atlas Ufo Robot a Lucca Comics 2018, un anniversario speciale per celebrare l’icona robotica che ha cresciuto una generazione intera

Sono passati ben 40 anni da quando Maria Giovanna Elmi, il 4 aprile 1978, annunciò l’arrivo in Tv di una nuova serie di cartoni animati totalmente diversa da quelli visti fino ad allora.
E UFO Robot Grendizer (questo il vero nome della serie), nato dalla collaborazione tra Go Nagai e Toei Animation, diventa uno spartiacque e dopo di lui nacque quella che fu chiamata “prima invasione”. Una mole inaudita di anime giapponesi tutti insieme in pochi anni al punto da poter affermare che abbiamo visto più anime noi in Italia in pochi anni che i giapponesi stessi. E Goldrake ancora oggi è un simbolo di quella che Marco Pellitteri in “Mazinga Nostaligia” ha definito appunto “Goldrake Generation”, una generazione di (ormai) adulti che non dimentica quelle emozioni con cui è cresciuto.

Ospiti, video e immagini per rendere omaggio ad un mito

Insieme a Maurizio Nataloni, organizzatore dell’evento, c’era Alessandro Falciatore di Anime Click creando un dualismo di informazioni che hanno spaziato dalle origini alle polemiche parlamentari, passando dal merchandising ai giorni nostri.
Sergio Algozzino, il terzo ospite annunciato, non è potuto venire per problemi tecnici ma ha inviato un videomessaggio in cui oltre a salutare il pubblico ha introdotto il video del suo progetto intitolato “Operazione Goldrake” visibile suo suo canale YouTube “Memorie a 8 bit”.
Altri contributi video hanno visto Giorgio Locuratolo, doppiatore di Alcor, salutare il pubblico così come Massimo Nicora, autore del libro “C’era una volta Goldrake. La vera storia del robot giapponese che ha rivoluzionato la TV italiana”.
Un altro interessante contributo è stato dato da Flaviano Farci, collezionista di vinili, che ha fornito l’immagine con le tre edizioni del 45 giri di Ufo Robot raccontandoci i retroscena di queste edizioni.

A completare l’incontro, oltre le immancabili sigle storiche, i presenti hanno potuto godere di alcuni estratti dell’anime così come di un video che vede Romano Malaspina, grandissimo doppiatore non solo di Actarus ma anche di altri personaggi storici come Hiroshi Shiba (Jeeg), Rio Nagare (Getta Robot), Takeru (Gackeen), inneggiare alle armi di Duke Fleed.
Tra un’emozione e qualche lacrimuccia l’incontro si è concluso con un’ovazione e un coro generale sulle note di Ufo Robot

Leggi anche l’articolo pubblicato su Tom’s Hardware

Legi anche l’articolo su Il Tirreno

40 volte Ufo Robot Lucca Comics 2018

| Anime |
Scritto da
-